» Chi sono

Chi sono

700_000_DSC8662Tutti hanno il loro viaggio e una storia da raccontare.
Questo è il mio viaggio, e questa è la mia storia.
Sono nato a Gorizia nel 1971 e ho vissuto tra mare e montagna in un luogo dove era facile il contatto con la natura. Fin da bambino ho mostrato una certa sensibilità e abilità artistica, che si esprimeva nel disegno e nella pittura. Sfogliando libri ero catturato dalle immagini di luoghi esotici, dai racconti degli esploratori e di mondi fantastici.
Visitando i musei venivo affascinato dall’abilità e dalla maestria con cui erano state realizzate quelle opere, covando il desiderio di poter un giorno dare forma a qualcosa di simile.
Con questi sentimenti ho affrontato un’educazione scientifica.
A Milano mi sono laureato in economia aziendale, svolgendo in seguito la funzione di analista finanziario con impegno e soddisfazione.
Eppure qualcosa non andava, attraverso i numeri non riuscivo a esprimermi completamente.
Si perdeva il lato romantico, ed erano i numeri di qualcun altro. Non mi piaceva fare lo spettatore, volevo giocare anch’io.
Ho lasciato il lavoro ed ho cominciato a dedicarmi alla fotografia. Non era qualcosa di nuovo. Dal periodo dell’università fotografavo principalmente allo scopo di “registrare” i luoghi che visitavo, le persone che mi piacevano e i momenti più importanti della mia vita, ma stavo incominciando a guardare diversamente luci e forme.
Nel 2008 mi sono trasferito in Toscana, dove ho avuto la fortuna di incontrare il maestro Franco Fontana, di cui ricordo spesso le parole dai significati sempre nuovi.
Da quel momento ho iniziato la mia personale ricerca.
Vivo nella regione delle cave di marmo di Massa-Carrara, vicino a Pietrasanta, città in cui vengono esposte durante tutto l’anno opere dei più rinomati artisti internazionali.
Le mie foto vogliono anche rendere omaggio a questo meraviglioso territorio.

 Statement

Ognuno di noi vive continui conflitti, più o meno profondi.
Questi conflitti spesso generano ferite, che regalano l’opportunità di guardarci dentro, di scoprire aspetti nascosti di noi stessi e di accrescere la nostra consapevolezza.
Le mie fotografie costituiscono un percorso di riscoperta di alternative, che parte dall’analisi di queste ferite, nascoste e cristallizzate nell’inconscio, nella volontà di superarle.
La natura e la materia circostante divengono specchio dell’animo umano attraverso un’attenzione inconsueta al dettaglio. In questo modo, non appaiono forme conosciute, favorendo l’avvicinamento alla dimensione interiore.
L’elemento liquido viene indagato in modo approfondito per la sua indeterminatezza di forma e la sua capacità ottica di deformazione della realtà che riflette e contiene, come ricettacolo di infinite possibilità per una nuova vita.

Roberto Mari 2014 | Privacy Policy | Ringraziamenti Up